MATERIE PRIME NATURALI

• Fibre d’amido in PLA (acido polilattico) in sostituzione alla plastica,
nelle parti a diretto contatto con la pelle.

Il PLA è una bioplastica derivata da fonti rinnovabili come il mais, il grano o la barbabietola, ricche di zucchero naturale. Il ciclo produttivo si basa sulla fermentazione degli zuccheri che vengono trasformati in polimeri, da cui si ricavano delle fibre tessili in alternativa a quelle sintetiche derivate dal petrolio, di cui conservano le performance come struttura e sofficità.

Grazie a questo materiale utilizzato negli strati a contatto con la pelle il pannolino Naturaè contrasta naturalmente irritazioni ed arrossamenti, favorendo la traspirazione ed eliminando la tendenza ad accumulare calore, in modo tale da mantenere fresca la pelle.

• Superassorbente BIO SAP,
nella parte assorbente del pannolino.

È un innovativo super assorbente di origine vegetale, che ha la funzione di assorbire i fluidi all’interno del tampone. Il suo impiego aumenta la naturalità del pannolino Naturaè contribuendo a garantirne la biodegradabilità e compostabilità.

• Strato di cellulosa TCF igienizzata,
nella parte assorbente del pannolino.

La cellulosa utilizzata nel tampone del pannolino Naturaè proviene da foreste coltivate con criteri di sostenibilità (PEFC) ed è igienizzata per ridurre il contenuto batterico senza l’uso di cloro (Totally Chlorine Free).

• Bioplastica traspirante e naturale,
nei film protettivi esterni e negli imballaggi:

E’ una bioplastica le cui componenti essenziali sono amido di mais e oli vegetali, non modificati geneticamente e coltivati in Europa con pratiche agricole di tipo tradizionale. Presenta una lavorabilità con le stesse tecnologie delle plastiche tradizionali e con produttività simile, ma rende il pannolino Naturaè completamente biodegradabile e compostabile, naturalmente traspirante, ipoallergenico e non tossico.